Cos’è 9Marks?

La Missione

9Marks esiste per equipaggiare i leader delle chiese con una visione biblica e risorse pratiche per mostrare la gloria di Dio alle nazioni attraverso chiese sane.

La storia

L’organizzazione ha le sue radici nel lavoro pastorale di Mark Dever e Matt Schmucker alla Chiesa Battista Capitol Hill di Washington, DC. Questa congregazione era in declino già da diversi decenni quando Mark (pastore) e Matt (amministratore) iniziarono un’opera di riforma nei primi anni ’90. I due non seguirono la saggezza convenzionale della letteratura sulla crescita della chiesa come:  condurre sondaggi, stabilire nuovi programmi o coltivare la giusta cultura. Hanno semplicemente aperto le loro Bibbie. Mark predicava ed entrambi lavorarono per strutturare la chiesa secondo le Scritture.

Il libro

Su suggerimento di Matt, Mark scrisse l’opuscolo “9 Tratti di una chiesa sana” che alcuni anni dopo divenne il libro pubblicato da Crossway “Nove Tratti di una chiesa sana “. Poiché sempre più pastori trovarono utili le conversazioni iniziate da Mark e Matt, alla fine degli anni novanta nacque un’organizzazione che oggi è cresciuta.

L’organizzazione

9Marks crede che la chiesa locale sia il punto focale del piano di Dio per mostrare la sua gloria alle nazioni, e che la Bibbia sia sufficiente per la vita della chiesa. Come organizzazione, quindi, siamo focalizzati sulla chiesa, sulle Scritture e sul pastore. Apprezziamo una molteplicità di voci e di stili così come collaborazioni affini. Speriamo di continuare a crescere nella nostra conoscenza della Parola di Dio e nella sua applicazione alla congregazione locale. Inoltre abbiamo intenzione di diffondere il nostro contenuto attraverso i centri, le piattaforme e le istituzioni esistenti, e non di crearne di nuovi.

I Nove Tratti sono (1) predicazione espositiva, (2) teologia biblica, (3) una comprensione biblica della buona notizia, (4) una comprensione biblica della conversione, (5) una comprensione biblica dell’evangelismo, (6) appartenenza biblica alla chiesa, (7) disciplina biblica della chiesa, (8) discepolato e crescita biblica, e (9) leadership biblica della chiesa. Queste non sono le uniche cose necessarie per costruire chiese sane, sono semplicemente nove pratiche che molte chiese oggi trascurano e che hanno bisogno di essere enfatizzate ancora una volta.

La missione di 9Marks

9Marks esiste per equipaggiare i dirigenti di chiesa con una visione biblica e risorse pratiche per mostrare la gloria di Dio alle nazioni attraverso chiese sane. A tal fine, vogliamo vedere chiese caratterizzate da questi nove segni di salute:

I 9 Tratti di una chiesa sana

1. Predicazione espositiva

Che cos’è?

Un sermone espositivo prende il punto principale di un brano delle Scritture, lo rende il punto principale del sermone e lo applica alla vita di oggi.

Dove si trova nella Bibbia?

Secondo le Scritture, Dio realizza ciò che vuole realizzare attraverso la parola (vedi Gen. 1:3, Isa. 55:10-11, Atti 12:24). Questo significa che se i predicatori vogliono che i loro sermoni siano pieni della potenza di Dio, devono predicare ciò che Dio proclama.

La Bibbia ha molti esempi di questo tipo di predicazione e insegnamento: i sacerdoti levitici insegnavano la legge (Deut. 33:10), Esdra e i Leviti leggevano dalla legge e ne davano il senso (Neh. 8:8), e Pietro e gli apostoli esponevano le Scritture ed esortavano i loro ascoltatori a rispondere con il pentimento e la fede (Atti 2:14-41, 13:16-47).

D’altra parte, Dio condanna coloro che ” le visioni del loro cuore e non ciò che procede dalla bocca dell’Eterno” (Ger. 23:16, 18, 21-22).

Perché è importante?

La predicazione espositiva è importante perché la Parola di Dio è ciò che condanna, converte, edifica e santifica il popolo di Dio (Eb. 4:12; 1 Pietro 1:23; 1 Tess. 2:13; Gv. 17:17). Una predicazione che fa del punto principale del testo il punto principale del sermone fa sì che il disegno di Dio governi la chiesa, non quella del predicatore.

2. La teologia biblica

Che cos’è?

La teologia biblica è una sana dottrina; sono pensieri giusti su Dio; è un credo che si accorda con la Scrittura.

Dove si trova nella Bibbia?

1.    Tutta la Bibbia insegna la sana dottrina.

2.    Molti libri del Nuovo Testamento, come le epistole di Paolo ai Romani e agli Efesini, sono pieni fino all’orlo di un ricco insegnamento dottrinale (vedi Rom. 1-11 ed Ef. 1-3).

3.    Gli autori del Nuovo Testamento sostengono spesso che la sana dottrina sia essenziale per cristiani sani e chiese sane (vedi 1 Tim. 1:5, 2 Giovanni 1-6, e Tito 2:1-10).

Perché è importante?

La teologia biblica è essenziale per:

1.    L’evangelismo. Il vangelo è dottrina. Pertanto, una sana dottrina è necessaria per l’evangelismo.

2.    Discepolato. Gesù pregò: “Santificali nella verità. La tua parola è verità” (Gv. 17:17). I cristiani crescono imparando e vivendo alla luce della verità – in altre parole, della sana dottrina.

3.    L’unità. Secondo il Nuovo Testamento, l’unica vera unità è l’unità nella verità (1 Gv. 1:1-4; 2 Gv. 10-11).

4.    Adorazione. Adorare Dio significa dichiarare le sue eccellenze (1 Pt 2,9-10) ed esaltarlo per quello che Egli è (Sal 29,2). La vera adorazione è una risposta alla sana dottrina.

3. La comprensione biblica del Vangelo.

Che cos’è?

La buona notizia è che:

  • L’unico e solo Dio che è santo ci ha reati a sua immagine per conoscerlo (Gen. 1:26-28).
  • Ma noi abbiamo peccato e ci siamo allontanati da lui (Gen. 3; Rom. 3:23).
  • Nel suo grande amore, Dio si è fatto uomo in Gesù, ha vissuto una vita perfetta ed è morto sulla croce, adempiendo così la legge stessa e prendendo su di sé la punizione per i peccati di tutti coloro che si sarebbero mai allontanati dal loro peccato e avrebbero confidato in lui (Giovanni 1:14; Eb. 7:26; Rom. 3:21-26, 5:12-21).
  • È risorto dai morti, mostrando che Dio ha accettato il sacrificio di Cristo e che l’ira di Dio contro di noi è stata esaurita (Atti 2:24, Rom. 4:25).
  • Ora ci chiama a pentirci dei nostri peccati e a confidare solo in Cristo per il nostro perdono (Atti 17:30, Giovanni 1:12). Se ci pentiamo dei nostri peccati e confidiamo in Cristo, nasciamo di nuovo in una nuova vita, una vita eterna con Dio (Giovanni 3:16).
  • Egli sta radunando a sé un nuovo popolo tra tutti coloro che si sottomettono a Cristo come Signore (Matt. 16:15-19; Ef. 2:11-19).

Dove si trova nella Bibbia?

Romani capp 1-4 contiene una delle più complete esposizioni del vangelo in tutta la Scrittura, e 1 Corinzi 15:1-4 contiene un breve riassunto del vangelo.

Perché è importante?

  • Una comprensione biblica del vangelo è importante perché il vangelo è la potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede, ed è l’unico modo per le persone peccatrici di essere riconciliate con un Dio santo.
  • Non solo, ma tutto in una chiesa scaturisce dalla sua comprensione del vangelo, che si tratti di predicazione, consulenza, discepolato, musica, evangelismo, missioni e così via.

4. La comprensione biblica della conversione

Che cos’è?

Una comprensione biblica della conversione riconosce sia ciò che Dio fa sia ciò che le persone fanno nella salvezza. Nella conversione, Dio

  • dà vita ai morti (Ef. 2:5)
  • dà la vista ai ciechi (2 Cor. 4:3-6)
  • e dà i doni della fede e del pentimento (Fil. 1:29; Atti 11:18).

E nella conversione, le persone

  • si pentono del peccato (Marco 1:15; Atti 3:19)
  • e credono in Gesù (Gv. 3:16; Rom. 3:21-26).

Una comprensione biblica della conversione riconosce che solo Dio può salvare, e che egli salva gli individui permettendo loro di rispondere al messaggio del vangelo attraverso il pentimento del peccato e la fiducia in Cristo.

Dove si trova nella Bibbia?

  • Gesù chiamò le persone a pentirsi e a credere in lui (Mc. 1:15). Egli disse che se qualcuno non nasce di nuovo non può entrare nel regno dei cieli (Gv. 3:1-8).
  • In tutto il libro degli Atti, gli apostoli chiamano le persone a convertirsi dal loro peccato e ad avere fiducia in Cristo (Atti 2:38, 3:19-20, 10:43, 13:38-39, 16:31, 17:30).
  • Molte delle epistole descrivono sia il nostro bisogno di pentirci e credere in Cristo sia l’opera soprannaturale di Dio per realizzare questo (Rom. 6:1-23; 1 Cor. 2:14-15; 2 Cor. 4:3-6; Ef. 2:1-10; 1 Tess. 1:9-10; 2 Tim. 2:25-26).

Perché è importante?

Una comprensione biblica della conversione è importante per le chiese perché:

1.    Chiarisce come le chiese dovrebbero esortare i non cristiani – dovrebbero chiamare i non cristiani a pentirsi del peccato e ad avere fiducia in Cristo.

2.    Ricorda alle chiese che devono affidarsi a Dio in tutti i loro sforzi evangelistici; solo Lui può dare nuova vita spirituale.

3.    Insegna alle chiese a mantenere una netta distinzione tra loro e il mondo.

  • La vita dei membri della chiesa dovrebbe essere segnata dal frutto della conversione,
  • Le chiese dovrebbero ammettere al battesimo e alla Cena del Signore solo coloro che mostrano prove di conversione.

Le chiese dovrebbero evangelizzare e insegnare la vita cristiana in modo tale che la natura radicale della conversione sia continuamente sottolineata.

5. Comprensione biblica dell’evangelismo

Che cos’è?

L’evangelizzazione è semplicemente dire ai non cristiani la buona notizia su ciò che Gesù Cristo ha fatto per salvare i peccatori ed esortarli a pentirsi e a credere. Per evangelizzare biblicamente devi:

1.    Predicare l’intero vangelo, anche la dura notizia dell’ira di Dio contro il nostro peccato.

2.    Chiamare le persone a pentirsi dei loro peccati e ad avere fiducia in Cristo.

3.    Rendere chiaro che credere in Cristo è costoso, ma ne vale la pena.

Dove si trova nella Bibbia?

La Scrittura contiene sia l’insegnamento sull’evangelismo (Matt. 28:19-20; Rom. 10:14-17; 1 Pietro 3:15-16) sia esempi di predicazione evangelistica (vedi Atti 2:14-41, 3:12-26, 13:16-49, 17:22-31). Inoltre, ogni volta che la Scrittura parla del vangelo, ci sta insegnando cosa dobbiamo condividere nell’evangelizzazione (vedi, per esempio, Romani 1-4 e 1 Corinzi 15:1-4).

Perché è importante?

Quando una chiesa ha una comprensione non biblica del vangelo, non evangelizza, evangelizza in modo fuorviante o manipolativo, o condivide un messaggio che non è il vangelo.

D’altra parte, una comprensione biblica dell’evangelismo chiarisce il nostro ruolo nella missione che Dio ha dato alla chiesa: dobbiamo predicare la buona notizia di ciò che Cristo ha fatto e pregare che Dio porti le persone a crederci.

6. L’appartenenza alla chiesa

Che cos’è?

Secondo la Bibbia, l’appartenenza alla chiesa è un impegno che ogni cristiano dovrebbe prendere per frequentare, amare, servire e sottomettersi ad una chiesa locale.

Dove si trova nella Bibbia?

In tutta la storia dell’Antico Testamento, Dio ha fatto una chiara distinzione tra il suo popolo e il mondo (vedi Lev. 13:46, Num. 5:3, Deut. 7:3).

Cristo afferma che entrare nel regno di Dio significa essere legati alla chiesa “sulla terra” (Matt. 16:16-19; 18:17-19). Dove vediamo la chiesa sulla terra? La chiesa locale.

Il Nuovo Testamento si riferisce esplicitamente al fatto che alcune persone sono dentro la chiesa e altre sono fuori (1 Cor. 5:12-13). Questo è molto più di un’associazione casuale.

La chiesa di Corinto consisteva di un numero definito di credenti, tale che Paolo poteva parlare di una punizione inflitta dalla maggioranza (2 Cor. 2:6).

Non solo il Nuovo Testamento parla della realtà dell’appartenenza alla chiesa, ma le sue dozzine di “un altro” sono scritte alle chiese locali, che completano la nostra comprensione di come dovrebbe essere praticamente l’appartenenza alla chiesa.

Perché è importante?

L’appartenenza biblica alla chiesa è importante perché la chiesa presenta la testimonianza di Dio a se stesso nel mondo. Mostra la sua gloria. Nell’appartenenza alla chiesa, quindi, i non cristiani dovrebbero vedere nella vita del popolo cambiato di Dio che Dio è santo e grazioso e che il suo vangelo è potente per salvare e trasformare i peccatori.

7. Disciplina della chiesa

Che cos’è?

Nel senso più ampio, la disciplina della chiesa è tutto ciò che la chiesa compie per aiutare i suoi membri a perseguire la santità e a combattere il peccato. La predicazione, l’insegnamento, la preghiera, il culto corporativo, le relazioni di responsabilità e la supervisione divina dei pastori e degli anziani sono tutte forme di disciplina.

In un senso più stretto, la disciplina della chiesa è l’atto di correggere il peccato nella vita del corpo, incluso il possibile passo finale di escludere un cristiano che si professa dall’appartenenza alla chiesa e dalla partecipazione alla Cena del Signore a causa di un grave peccato impenitente (vedere Matt. 18:15-20, 1 Cor. 5:1-13).

Dove si trova nella Bibbia?

Il Nuovo Testamento intima la disciplina correttiva (escludere i peccatori impenitenti dalla comunione della chiesa) nei brani di Matteo 18:15-17, 1 Corinzi 5:1-13, 2 Corinzi 2:6 e 2 Tessalonicesi 3:6-15.

Il Nuovo Testamento parla della disciplina formativa (i nostri sforzi per crescere in santità insieme) in innumerevoli testi sul perseguimento della santità e l’edificazione reciproca nella fede, come Efesini 4:11-32 e Filippesi 2:1-18.

Perché è importante?

Pensa alla disciplina come al paletto che aiuta l’albero a crescere diritto

o alle infinite ore di pratica del musicista. Senza disciplina, non cresceremo come Dio vuole. Con la disciplina, per grazia di Dio, porteremo frutti pacifici di rettitudine (Eb. 12:5-11).

8. Discepolato

Che cos’è?

La Scrittura insegna che un cristiano vivo è un cristiano che cresce (2 Pietro 1:8-10). La Scrittura insegna anche che noi cresciamo non solo per istruzione, ma per imitazione (1 Cor. 4:16; 11:1). Perciò le chiese dovrebbero esortare i loro membri sia a crescere in santità sia ad aiutare gli altri a fare lo stesso.

Dove si trova nella Bibbia?

Pietro esortò i suoi lettori a crescere nella grazia e nella conoscenza del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo (2 Pt 3:18)

Paolo esortava gli Efesini a crescere dicendo la verità nell’amore gli uni agli altri (Ef. 4:15).

Molti brani della Scrittura ci istruiscono ad imitare i capi divini (Fil. 4:9; Eb. 13:7).

Il punto è che, secondo le Scritture, tutti i cristiani dovrebbero crescere in Cristo, imitare altri cristiani pii e incoraggiare gli altri nella loro crescita in Cristo.

Perché è importante?

1.    Promuovere il discepolato biblico e la crescita è importante perché nessuno di noi è un prodotto finito. Fino alla morte, tutti i cristiani lotteranno contro il peccato e abbiamo bisogno di tutto l’aiuto possibile in questa lotta.

2.    Se una chiesa trascura il discepolato e la crescita, o ne insegna una versione distorta e non biblica, scoraggerà i cristiani genuini e assicurerà erroneamente i falsi cristiani. D’altra parte, se una chiesa promuove una cultura del discepolato e della crescita cristiana, moltiplicherà gli sforzi dei credenti per crescere in santità.

3.    Una chiesa che non cresce nella fede produrrà alla fine una malsana testimonianza al mondo.

9. Leadership

Che cos’è?

La Bibbia insegna che ogni chiesa locale dovrebbe essere guidata da una pluralità di uomini santi e qualificati, chiamati anziani.

Dove si trova nella Bibbia?

Paolo stabilisce le qualifiche per gli anziani in 1 Timoteo 3:1-7 e Tito 1:5-9. I passi che evidenziano una pluralità di anziani in una chiesa locale includono Atti 14:23, Atti 20:17, 1 Timoteo 4:14, 1 Timoteo 5:17 e Giacomo 5:14.

Perché è importante?

Dio dona alle chiese degli anziani per

  • nutrire le pecore di Dio con la parola di Dio (Gv. 21:15-17),
  • guidare le pecore (1 Tim. 4:16; 1 Pietro 5:3, Eb. 13:7),
  • e proteggono le pecore dagli aggressori (Atti 20:27-29; 2 Tim. 4:3-4; Tit. 1:9),

mentre proteggono sia se stessi che la chiesa attraverso la saggezza della loro pluralità (Prov. 11:14; 24:6).

La linea di fondo? La leadership biblica della chiesa è importante perché senza di essa, il popolo di Dio è come pecore senza pastori.

Perché esiste 9Marks?

A troppi pastori è stato insegnato a definire il “successo” con statistiche e picchi emotivi. 9Marks esiste per aiutare i leader di chiesa a definire il successo come fedeltà a Dio, alla sua Parola e al suo popolo.

A loro credito, molti di questi pastori non sono interessati ai numeri. Vogliono raggiungere sempre più persone con la buona notizia del cristianesimo. Il problema è che iniziano a ristrutturare la vita corporativa della loro chiesa intorno alla diffusione. Poi l’espansione diventa primaria.

Modelli diversi

Alcuni cercano di fare appello al mondo con programmi della chiesa e l’evangelismo porta a porta. Concludono i sermoni invitando le persone a “percorrere la navata della sala della chiesa” – “Gesù desidera una relazione personale con te, quindi invitalo nel tuo cuore”.

Altri costruiscono tutto intorno all’idea di essere non cristiani o “seeker” friendly. Rimuovono le barriere culturali della chiesa e fanno appello ai “bisogni sentiti”, come le relazioni, l’appagamento e lo scopo.

Altri ancora enfatizzano la necessità per le chiese di rimuovere ogni discorso sui confini e di “incarnarsi” nella cultura.  Quindi trasferitevi in città. Impegnatevi nelle arti, nelle scuole e nelle mense per i poveri. Trasformate la cultura. Servite e portate guarigione.

La questione principale

Il problema è che i sostenitori di tutti e tre i modelli spesso iniziano con una domanda secondaria: “Come possiamo raggiungere il mondo? Buona domanda, ma non è primaria. La prima domanda è: “Come possiamo, come popolo di Dio, essere fedeli a Dio? Parte dell’essere fedeli significa cercare di raggiungere il mondo, ma la fedeltà consiste fondamentalmente nell’ascoltare Dio e fare tutto ciò che Egli comanda: “…insegnando loro a obbedire a tutto ciò che vi ho comandato” (Matt. 28:20).

9Marks propone che le chiese comincino con la fedeltà, il che ci porta ad un altro approccio.

La Chiesa fedele

Immagina questo: Un gruppo di persone si riunisce in una stanza. Qualcuno si alza, apre una Bibbia e dice: “Questo è

Una chiesa fedele? Non mi sembra un’idea di mercato. Eccitante come vedere un seme piantato? Aspetta, c’è di più: le parole arrivano con potenza, lo Spirito Santo e una profonda convinzione. Le coscienze vengono trafitte. Le vite cambiano. Le persone tornano a casa adorando Dio odiando il peccato, amandosi l’un l’altro e cercando il prossimo.

Una chiesa fedele è una chiesa in ascolto e umile, e questo è soprannaturalmente attraente. È distinta come il sale e luminosa come la luce. Le persone cominciano persino ad assomigliare a… figli e figlie di Dio. A proposito di attrattiva! E tutto inizia con l’ascoltarlo.

Cosa fa 9Marks?

A 9Marks, scriviamo libri, articoli e recensioni di libri. Organizziamo conferenze, facciamo interviste e ci consultiamo con i responsabili della chiesa. In breve, facciamo tutto il possibile per aiutare i pastori, i futuri pastori e i membri della chiesa a vedere com’è una chiesa biblica e a fare passi pratici per diventarlo.

Nei primi anni di vita dell’organizzazione, la voce di Mark Dever era l’unica voce pubblica. Eppure i principi sono biblici, e un piccolo movimento di leader di chiesa sta iniziando a scrivere e insegnare.

Libri 9Marks

Una crescente squadra di autori sta contribuendo alla serie di libri 9Marks. I libri di Mark Dever sono gli standard: I nove tratti di una chiesa sana, L’evangelizzazione personale e altri. Ma leggi anche il libro di Thabiti Anyabwile sull’essere un membro sano della chiesa, il libro di Greg Gilbert sul vangelo, quello di Michael Lawrence sulla teologia biblica, quello di Michael McKinley sull’impianto della chiesa e altro ancora. Clicca qui per vedere i titolo di 9Marks.

9Marks Multimedia

9Marks offre una varietà di risorse multimediali, inclusi audio e video. Cerchiamo di equipaggiare e incoraggiare i leader di chiesa attraverso interviste alla leadership, messaggi di conferenze, tavole rotonde, conferenze e brevi spiegazioni di argomenti chiave. Clicca qui per 9Marks Multimedia.